IL NOSTRO CUSTOMER SERVICE È ATTIVO DAL LUNEDÌ AL VENERDI DALLE 9 ALLE 13

La sicurezza di un intermediario

Vendi e acquista in tutta sicurezza con la garanzia dell’intermediazione di VendereQuadri Shop.

Vuoi saperne di più?

Newsletter

Rimani sempre aggiornato sulle gallerie, gli artisti e sulle nuove opere in vendita.

PARTO INDOLORE DI MADRE GIOIOSA

Artista: Maria Chiara Signorini

Dimensioni: 20x13 cm

Tecnica: COLLAGE E INCHIOSTRO SU CARTA

Certificato di autenticità: Si

Cod. Opera: 100531

330,00 €

Disponibilità: Disponibile

Artista nata e cresciuta a Milano, sin da bambina scrive, recita, danza, disegna. Per gioco: con la solennità e l’impegno che ogni bimbo mette nel giocare. Si apre alla sperimentazione nell’arte visiva, che esplora sull’onda di un impulso quasi improvviso, ma travolgente, con la tecnica del collage o fotomontaggio sulla scia del Dadaismo berlinese degli inizi del XX Secolo. Come una bambina d’altri tempi, ritaglia figure da antiche e logore riviste per creare il suo personale mondo interiore, brulicante, barocco. Plasma così paesaggi surreali, costellati da un linguaggio poetico, che traccia con lettere corsive, quasi una calligrafia infantile, ludica. Un taccuino personale su cui annota immagini e parole di una psiche collettiva.


O

Chiedi informazioni ad un esperto

Spedizioni

La transazione avviene nella massima sicurezza del venditore e dell'acquirente, siamo noi a farci carico della conformità (provenienza, autenticità, stato di conservazione) dell'opera e ad occuparci della spedizione.

Descrizione

Dettagli

Serie: COSMOLOGIA

Descrizione: Le opere che raccolgo sotto questo titolo sono il mio umile e ambizioso tentativo di raccontare le armonie e le disarmonie che sento, vedo e percepisco attorno a me. PARTO INDOLORE DI MADRE GIOIOSA è il sogno della possibilità, che nell’universo è data, di generare senza lacrime, nella letizia e nella festosità del momento.

Bio dell'artista

Sin da bambina scrivevo, recitavo, danzavo, disegnavo. Per gioco, con la solennità e l’impegno che ogni bimbo mette nel giocare. Ben presto ho scoperto la passione per la ricerca interiore, per l’indagine sulla psiche umana, che negli anni ho sondato e investigato senza tregua, attraverso un profondo lavoro su di me, veicolato dall’arte del teatro e della scrittura, fino a fare di queste discipline, strumenti del mio mestiere. L’arte come cura di sé. L’arte come potente strumento di trasformazione e crescita evolutiva a disposizione di ogni essere umano. Da questa costante interrogazione ed esplorazione personale e professionale è sorto, quasi improvviso ma travolgente, l’impulso di amplificare la mia ricerca artistica alla sperimentazione nell’arte visiva, divenuta anch’essa analisi espressiva del mio e dell’altrui mondo interiore.

Poetica artistica

La mia ricerca artistica indaga l'uomo e la sua relazione con se stesso, con l’altro, con la natura, con l’oltre. E poiché l’arte, prima di tutto è stata ed è per me un atto d’amore verso me stessa, l’amore in ogni sua forma, manifestazione e direzione è ciò cui, nelle mie opere, do forma. L'amore può generare un virale modo di vivere, grazie al quale ciascuno può “contaminare” positivamente gli altri in un reciproco e costante ri-conoscimento.

L’alfabeto artistico che scelgo in questa ricerca è il collage:  come la bambina che sono stata in altri tempi, ritaglio figure da antiche e logore riviste per creare il mio personale mondo interiore, brulicante e barocco, proseguendo incessantemente nel mio lavoro in primis su me stessa. La pratica del collage mi è piombata tra le dita come un dono per superare un profondo dolore. Plasmando paesaggi surreali, costellati da un linguaggio poetico, che traccio con una calligrafia infantile, quasi ludica, ho scoperto quanto, ancora una volta, l’arte possa essere, per tutti coloro che ci si vogliano avvicinare, liberatoria e trasformativa. Ecco allora che dal mio personale taccuino di immagini e parole emerge la voce di una psiche collettiva.

Le immagini che plasmano la nostra cultura di massa, trasfigurate attraverso i miei collage, trasformano elementi materiali e desideri, in possibili vie di fuga verso il fantastico, l’esotico, la meraviglia. L’invito è quello di fermarsi in queste stanze delle meraviglie per la mente, per raggiungere e dialogare con chi sa  come l'amore possa generare equilibrio e felicità.

Ogni persona che vibrerà bene con la mia arte, potrà far vibrare altri attorno a sé. In tal modo, come l'effetto butterfly ci racconta, un'eco infinito di positività e amore potrà impattare sulla società, grazie all'arte generativa insita nei miei lavori.

 

 

ALTRE OPERE DI Maria Chiara Signorini >

OPERE CORRELATE >