IL NOSTRO CUSTOMER SERVICE È ATTIVO DAL LUNEDÌ AL VENERDI DALLE 9 ALLE 13

Aleardo Koverech

Artist Rating: 30,5

ALEARDO KOVERECH

Categoria (Artista, Collezionista o Gallerista): Artista

Stile:

Città: ROMA

Facebook: visita

Linkedin: visita

Via: San Damaso n. 15

La sicurezza di un intermediario

Vendi e acquista in tutta sicurezza con la garanzia dell’intermediazione di VendereQuadri Shop.

Vuoi saperne di più?

Newsletter

Rimani sempre aggiornato sulle gallerie, gli artisti e sulle nuove opere in vendita.

Biografia

Hanno scritto di Aleardo Koverech (selezione):

Renzo VESPIGNANI:

“…..Ecco il vero e costante tema della pittura di Koverech: la materialità del colore, la fisicità della pasta cromatica che lievita come artificio e ricerca della “grazie formale”. E forse come geologia del reale: il mondo è una scheggia lavica ancora calda, e a tenerlo in mano scotta, insopportabile (….) Ma se il quadro sboccia in una luce accecante, e la forma di brace conserva il motivo del reale come un simulacro di cenere (….) Egli non è attratto dal significato della realtà ma dalla possibilità che, alla fine del viaggio, la realtà ne avrà uno. Assoluto.....”

Alberto SUGHI:

“.....Piu’ che illustrare le qualità della tua pittura, caro Aleardo, mi piacerebbe saper descrivere il tuo rovello, la tua inesausta passione, l’emozione davanti alla tela, il gioco difficile delle attese e dei silenzi. La tua continua rincorsa verso un punto intravisto e irraggiungibile come ogni orizzonte. Raccontare come il tuo sguardo si sposti dai quadri che hai dipinto agli occhi di chi è venuto a trovarti confidando di vedere casomai svelato nell’espressine del visitatore il segreto che la tua pittura nasconde....”

Franco FERRAROTTI:

“....Guardo un quadro di Aleardo Koverech, mi immergo nelle ombre diafane di un suo disegno. Comincio a capire, a tasto, quest’uomo che è insieme artista e scienziato, devoto all’intuizione fulminante e alla sperimentazione controllata. L’opinione comune lo vorrebbe scisso, condannato alla schizofrenia. L'opinione comune è la premessa del luogo comune. E il luogo comune, quando non è lieu d’aisance come voleva Léon Bloy, è un luogo di perdizione....”

DOMENICO GUZZI:

...annota, come “.....Ferrarotti insista, e giustamente, sulla doppia anima di Koverech: quella dello scienziato che analizza e quella del pittore che intuisce, ed intuendo, interpreta (…) Avverti, si, il contatto diretto con il vero ma pur anche il suo superamento nella mera concessione del “fare”. A cui, non di meno, concorre, e come sempre, è ovvio, l’assieme d’una memoria culturale che funge da sedimentazione e che si riverbera nell’immagine, a volte, quale intuizione e soluzione. Via per la quale, ancora ed infine, pur avverti che la fragranza della realtà q quella dell’astrazione trovano unità nell’unità stessa dell’opera...”

Tutte le opere di Aleardo Koverech